Alternanza Scuola-Lavoro, triennio 2015/2018

L’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro intrapresa dal terzo anno con il centro educativo-culturale ONLUS “G. La Pira”- Biblioteca dei ragazzi “I care”, situata in Pomigliano d’Arco (NA), è stata sicuramente fertile per la nostra classe. I responsabili si sono distinti per la loro disponibilità, poiché ci hanno fatto sentire a nostro agio e ci hanno fornito le giuste indicazioni per poter scegliere il progetto da portare avanti nel triennio. Nel corso del primo anno l’alternanza è stata svolta nel nostro istituto e la responsabile del centro, Maria Felicia Liberti, nelle sue lezioni ci ha spiegato come catalogare i libri. Dal secondo anno in poi ci hanno ospitato nella loro struttura, dividendoci in gruppi secondo i nostri interessi. Vi era il settore di giurisprudenza, nel quale ci siamo occupate della formazione di una Costituzione che tratta dei diritti e dei doveri del bambino; il settore Fumetto, nel quale abbiamo lavorato alla creazione di un fumetto riguardante argomenti da noi studiati, come la poesia “Il passero solitario” di G. Leopardi; il settore Arte, nel quale abbiamo realizzato un vernissage, il cui tema fondante è l’empatia; infine vi è il settore “Leggere emozionandosi”, nel quale ci siamo dedicate alla rivisitazione in chiave moderna de “Il ritratto di Dorian Gray” e alla stesura di un libro su alcune tematiche di Luigi Pirandello. È stata sicuramente un’esperienza formativa dal punto di vista culturale perché, oltre all’impegno nella realizzazione dei nostri progetti, abbiamo anche capito l’importanza del lavoro di gruppo, in quanto abbiamo lavorato in sinergia con le alunne della classe VB del Liceo linguistico “ M. Serao” di Pomigliano. Abbiamo inoltre avuto la fortuna di essere state seguite, consigliate e appoggiate ogni qualvolta non ci sembrava chiara l’attività da svolgere, a differenza di tante aziende che si limitano a dare ordini ai discenti. In conclusione, anche se la classe avrebbe preferito svolgere un’alternanza scuola-lavoro inerente al percorso scolastico, siamo orgogliose di aver intrapreso questo cammino, lungo il quale abbiamo imparato ad essere parte integrante di un gruppo e soprattutto grazie al quale lasciamo l’istituto di appartenenza con un bagaglio culturale all’altezza delle aspettative future.

 

La classe VAsa